L’Inail garantisce supporto ai propri assistiti vittime di infortunio o malattia professionale per la continuità lavorativa o per l’inserimento in una nuova occupazione attraverso la realizzazione di progetti personalizzati di reinserimento lavorativo. Disponibili per i datori di lavoro finanziamenti a fondo perduto fino a un massimo di euro 150.000,00 per interventi di adeguamento degli ambienti e delle postazioni di lavoro e azioni formative mirate alla riqualificazione professionale dei lavoratori infortunati. Per favorire l’accesso ai finanziamenti, l’Istituto ha da tempo semplificato l’iter e le procedure di attivazione degli interventi, snellendo le procedure a carico dei datori di lavoro e promuovendo campagne di sensibilizzazione per rendere maggiormente note le misure per il reinserimento lavorativo delle persone con disabilità da lavoro.

DESTINATARI

Conservazione del posto di lavoro
Lavoratori subordinati e parasubordinati e autonomi, con disabilità da lavoro, tutelati dall’Inail.

Nuova occupazione

Persone con disabilità da lavoro tutelate dall’Inail con le quali vengano stipulati contratti di lavoro subordinato o parasubordinato per attività lavorative anche non soggette a obbligo assicurativo Inail.

TIPOLOGIE DI INTERVENTO FINANZIATE

Superamento e abbattimento delle barriere architettoniche nei luoghi di lavoro (inserimento rampe, adeguamento percorsi orizzontali, modifica locale ascensore, servizi igienici, ecc.)

Adeguamento e adattamento delle postazioni di lavoro (arredi, strumenti, ausili, strumenti di interfaccia macchina-utente, veicoli costituenti strumenti di lavoro, ecc.)

Formazione (addestramento utilizzo postazioni, tutoraggio per svolgimento stessa mansione o per riqualificazione professionale funzionale all’adibizione ad altra mansione, ecc.).

FINANZIAMENTI A FONDO PERDUTO

Ciascun progetto di reinserimento lavorativo è finanziato fino a un massimo di 150.000 euro:

135.000 euro, con rimborsabilitá delle spese sostenute dal datore di lavoro al 100%, per interventi di superamento  e abbattimento di barriere architettoniche nei luoghi di lavoro e per interventi di adeguamento e adattamento delle postazioni lavorative
15.000 euro, rimborsabili al 60%, per progetti di formazione

In caso di conservazione del posto di lavoro, è rimborsato al datore di lavoro il 60% della retribuzione effettivamente corrisposta al destinatario del progetto.
Il datore di lavoro può, per una sola volta, un’anticipazione fino al 75% dei costi del progetto.

Vai alla pagina del reinserimento lavorativo

VIDEO DI LANCIO DELLA CAMPAGNA

La campagna di comunicazione sul reinserimento lavorativo delle persone con disabilità da lavoro “Con Inail, ricomincio dal mio lavoro” è in programma per un mese a partire dal 9 maggio e prevede spazi informativi su quotidiani, canali televisivi e radiofonici nazionali e locali, sulle piattaforme web e sui social network istituzionali. Sono stati realizzati due spot video e due spot radio di 30” e altri prodotti editoriali che raccontano in maniera più approfondita le storie di reinserimento sui media mainstream e sui canali social dell’Istituto. 

IL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE FRANCO BETTONI

“Sono orgoglioso di guidare un ente come Inail che ha la possibilità di contribuire al miglioramento della vita delle persone con disabilità”. Il presidente dell’Istituto, Franco Bettoni, presenta in un video la campagna di comunicazione e l’impegno dell’Inail a favore delle persone con disabilità da lavoro. Ormai da anni, infatti, l’Istituto è al fianco dei propri assistiti per sostenerli nella ripresa dell’attività lavorativa dopo un infortunio o una malattia professionale. In un momento di difficoltà per il Paese intero, parlare di ripartenza” e di ritorno al lavoro diventa fondamentale, soprattutto per le persone più fragili, come quelle con disabilità.

IVANA E CHRISTIAN SONO TORNATI AL LAVORO

Al centro del video-teaser le immagini che anticipano nomi e volti dei testimonial della campagna. Ivana Giancamilli, imprenditrice agricola, e Christian Casiraghi, pasticciere, sono due assistiti Inail, protagonisti anche delle “Belle storie di reinserimento, che grazie al sostegno dell’Istituto hanno intrapreso un percorso personalizzato per continuare a svolgere la loro attività in sicurezza.

MATERIALI INFORMATIVI

LA BELLA STORIA DI IVANA

Un’imprenditrice agricola marchigiana che, dopo la malattia professionale, ritorna alla guida del suo trattore in totale sicurezza, grazie al progetto di reinserimento professionale.

LA BELLA STORIA DI CHRISTIAN

Un pasticciere, dipendente da 25 anni in una caffetteria alle porte di Milano, racconta la sua storia di rinascita, dopo l’infortunio, e il ritorno al lavoro in sicurezza, grazie al progetto di reinserimento professionale.

AVVISO PUBBLICO FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI FORMAZIONE / INFORMAZIONE 

L’Inail promuove anche la formazione e l’informazione sui temi legati al reinserimento lavorativo delle persone con disabilità da lavoro, finanziando progetti specifici per favorire la conoscenza delle misure di sostegno predisposte dall’Istituto.   
I progetti, destinati a lavoratori e datori di lavoro, possono essere proposti da soggetti che operano nel mondo associativo di rappresentanza e di tutela del lavoro e della disabilità (nei termini indicati nell’avviso pubblico).