REINSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE CON DISABILITÀ DA LAVORO

Inail offre sostegno a lavoratori e datori di lavoro per realizzare progetti personalizzati con finanziamenti fino a 150.000 euro

L’Inail garantisce supporto ai propri assistiti vittime di infortunio o malattia professionale per la continuità lavorativa o per l’inserimento in una nuova occupazione attraverso la realizzazione di progetti personalizzati di reinserimento lavorativo. Disponibili per i datori di lavoro contributi a fondo perduto fino a un massimo di euro 150.000,00 per interventi di adeguamento e ristrutturazione degli ambienti di lavoro e azioni formative mirate. Le procedure per l’accesso ai finanziamenti sono state recentemente semplificate.

DESTINATARI

Conservazione del posto di lavoro
Lavoratori subordinati e parasubordinati e autonomi, con disabilità da lavoro, tutelati dall’Inail.

Nuova occupazione
Persone con disabilità da lavoro tutelate dall’Inail con le quali vengano stipulati contratti di lavoro subordinato o parasubordinato per attività lavorative anche non soggette a obbligo assicurativo Inail.

TIPOLOGIE DI INTERVENTO FINANZIATE

Superamento e abbattimento delle barriere architettoniche nei luoghi di lavoro (inserimento rampe, adeguamento percorsi orizzontali, modifica locale ascensore, servizi igienici, ecc.)

Adeguamento e adattamento delle postazioni di lavoro (arredi, strumenti, ausili, strumenti di interfaccia macchina-utente, veicoli costituenti strumenti di lavoro, ecc.)

Formazione (addestramento utilizzo postazioni, tutoraggio per svolgimento stessa mansione o per riqualificazione professionale funzionale all’adibizione ad altra mansione, ecc.).

Contributi a fondo perduto

Ciascun progetto di reinserimento lavorativo è finanziato fino a un massimo di 150.000 euro:

135.000 euro, rimborsabili al 100%, per interventi di superamento e abbattimento di barriere architettoniche nei luoghi di lavoro e per interventi di adeguamento e adattamento delle postazioni lavorative
15.000 euro, rimborsabili al 60%, per progetti di formazione

In caso di conservazione del posto di lavoro, è rimborsato il 60% della retribuzione effettivamente corrisposta al destinatario del progetto.
E’ possibile richiedere, per una sola volta, un’anticipazione fino al 75% dei costi del progetto.

Vai alla pagina del reinserimento lavorativo

Loretana e Claudio testimonial della campagna sul reinserimento lavorativo

Claudio Narduzzi e Loretana Puglisi: due vite diverse ma con la stessa passione per il lavoro. Entrambi assistiti Inail e vittime di infortunio sul lavoro, hanno intrapreso, grazie al sostegno dell’Istituto, un percorso personalizzato di reinserimento lavorativo che ha permesso loro di riprendere l’attività. Al centro di un video, tutte le emozioni di chi sceglie di non arrendersi e affrontare con coraggio le proprie sfide di rinascita.

Gli spot della Campagna

Due i testimonial della campagna: Claudio Narduzzi e Loretana Puglisi, entrambi vittime di un infortunio sul lavoro, assistiti dall’Istituto e già protagonisti delle “Belle storie Inail”. Attraverso le loro esperienze, l'Inail racconta il suo impegno per il reinserimento e l’integrazione lavorativa delle persone con disabilità da lavoro.

Vai alla pagina della campagna

Video Loretana Puglisi

Audio Loretana Puglisi

Video Claudio Narduzzi

Audio Claudio Narduzzi

LE BELLE STORIE INAIL

La campagna di comunicazione realizzata attraverso videoracconti di assistiti Inail vittime di infortuni sul lavoro vuole testimoniare le esperienze di rinascita e di reinserimento sociolavorativo rese possibili anche grazie al sostegno dell'Istituto. Claudio e Loretana, incontrati di recente in videoconferenza, narrano la loro storia e parlano di come hanno vissuto il periodo di lockdown legato all'emergenza sanitaria.

Loretana, ricominciare più forte di prima

L'artigiana siciliana parla della sua rinascita sul lavoro dopo l’infortunio grazie a un progetto personalizzato realizzato dall’Inail

Claudio, di nuovo al lavoro nella sua terra

L’imprenditore agricolo veneto racconta del suo infortunio sul lavoro e del progetto di reinserimento che gli ha permesso di riprendere in autonomia la propria attività